Conto termico per stufe e termocamini

Conto termico per stufe e termocamini

Chi possiede un vecchio apparecchio di condizionamento invernale come una stufa, una caldaia o un caminetto alimentati a biomassa, carbone, olio combustibile o gasolio può sostituirlo con un nuovo apparecchio ad alta efficienza energetica alimentato da fonti rinnovabili come termocamini a pellet, stufe a pellet o a legna o con caldaie a pellet o policombustibili usufruendo degli incentivi del Conto termico 2.0 erogato dal GSE (Gestore Servizi Energetici).

In vigore dal 31 maggio 2016, sostiene con un contributo in denaro chi installa apparecchi di ultima generazione che garantiscono un maggior rendimento energetico. Quindi il Conto termico per stufe e termocamini a legna incentiva la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Beneficiari Conto termico

Possono beneficiare del Conto Termico per stufe a e termocamini a legna:

  • soggetti privati, (persone fisiche, titolari di imprese o di reddito agrario, condomini);
  • amministrazioni pubbliche.

Incentivi Conto termico

Copre fino al 65% dei costi sostenuti per la sostituzione caldaia o di un vecchio generatore di calore (a biomassa, gasolio, olio combustibile o carbone) con un nuovo prodotto a biomassa (caldaia, stufa a pellet o a legna, termocamino a pellet e policombustibili).

Sostituire, ad esempio, la vecchia caldaia con una alimentata a pellet garantisce alcuni importanti benefici, tra cui un notevole risparmio in bolletta e la riduzione al minimo le emissioni nell’atmosfera.

Il contributo varia in funzione:

  • della potenza nominale dell’impianto, ovvero la somma delle potenze nominali, come dichiarate dal costruttore, degli impianti oggetto dell’intervento;
  • delle emissioni di polveri in atmosfera rilasciate dall’impianto;
  • della zona climatica in cui sarà installato il prodotto, in relazione delle ore medie di funzionamento di ciascun comune e provincia.

Requisiti delle stufe e termocamini

Sono ammesse stufe, termostufe, inserti e termocamini, purché siano certificate secondo la norma UNI EN 13229 oppure UNI 13240 e siano rispettati gli altri requisiti richiesti dal Conto Termico e dalla normativa di settore. In particolare per le stufe ed i termocamini è richiesto un rendimento minimo del 85% e di non superare determinate soglie di emissione di inquinanti.

Per rientrare negli incentivi del Conto Termico 2.0 un prodotto, deve dimostrare di rispondere a standard qualitativi sia in termini di rendimento che di emissioni in atmosfera. I valori devono essere certificati secondo prove eseguite in laboratorio. Il costruttore deve anche fornire le dichiarazioni previste dalla normativa vigente e un’apposita dichiarazione relativa al rispetto dei requisiti previsti dal Conto Termico.

Inoltre per i termocamini a legna, certificati secondo la norma UNI 13229, è possibile accedere al Conto Termico esclusivamente in sostituzione di camini o termocamini, sia a focolare aperto che chiuso, o stufa a legna, indipendentemente dal fluido termovettore.

Marmi Bianco, rivenditore autorizzato Montegrappa, Girolami e Ravelli è un interlocutore completo per la scelta, l’acquisto e l’installazione di caminetti e stufe a Lecce e provincia. Approfittando dell’incentivo Conto termico 2.0, potrai sostituire la tua stufa o camino ormai obsoleti e approfittare di un sostanzioso sconto sul prezzo finale.

Scopri i nostri modelli di stufe e caminetti oppure chiamaci al numero 0832 80 16 82.

Leave a Reply

Your email address will not be published.