Pavimenti per esterni: guida alla scelta dei materiali

Pavimenti per esterni: guida alla scelta dei materiali

Chi possiede un giardino, o anche semplicemente un terrazzo o un balcone, sa bene quanto sia importante scegliere i giusti pavimenti per esterni. Si tratta di una decisione di ordine pratico e funzionale, volta ad accrescere il comfort dell’ambiente. Al tempo stesso, però, un pavimento bello può diventare un vero e proprio oggetto ornamentale, dotato di elevato potere decorativo.
Quali sono quindi i criteri che bisognerebbe seguire nella scelta dei pavimenti per esterni? Innanzitutto, è essenziale soddisfare i più alti standard connessi alla resistenza. È estremamente importante selezionare materiali poco sensibili a tutti quei fattori che di norma rovinano gli articoli outdoor. Tra i più importanti, gli agenti atmosferici, la pioggia, il vento, l’umidità, la polvere e lo sporco.

È fondamentale poi che i pavimenti per esterni non risentano dell’usura, del logorio, del calpestio, dei carichi pesanti. Spesso, infatti, sono concepiti per prevedere il passaggio di un auto diretta nel proprio garage, accogliere tavoli, sedie, sdraio, ombrelloni e molti altri complementi. Le superfici dovranno risultare quindi solide e robuste in qualunque circostanza e contesto.
Un altro requisito di base è la sicurezza. Optate per dei materiali antiscivolo, ancora meglio se realizzati in pietra naturale.

Non ultimo, è necessario che il pavimento che andrete a scegliere sia elegante, di pregevole fattura, in grado di amalgamarsi alla perfezione con l’ambiente circostante e di suggerire un’impressione di semplicità e di armonia.
Infine, un parametro da non trascurare è la facilità di pulizia. Una buona pavimentazione è levigata e omogenea, priva di fessure e fenditure che potrebbero ostacolare l’igienizzazione.

I materiali più adatti a pavimenti per esterni

E per quanto riguarda le materie prime? Quali sono quelle più adeguate a un rivestimento per esterni di eccellente qualità?

Molte persone preferiscono la sobria bellezza della pietra naturale. Questo perchè si prestano meglio delle altre a raggiungere un totale equilibrio con l’ambiente circostante a livello di colori, sfumature e venature. Un pavimento in pietra naturale può assumere un design minimal, essenziale e geometrico, progettato per integrarsi in un paesaggio moderno senza apparire fuori posto. Ma può anche integrarsi in un ambiente più “campestre”, assumendo tratti country in completa connessione con la natura.
Esistono in commercio numerosi generi di pietra, disponibili in lastre o ciottoli di dimensioni variabili. Potrete, così, acquistare la pavimentazione ideale per il vostro giardino o balcone, ottenendo un effetto complessivo eccezionalmente scenografico.

Dal porfido all’acciottolato per uno spazio esterno di gran classe

Passiamo alle diverse tipologie di pietra naturale. Oggi vi forniremo una panoramica completa, affinché possiate subito trovare il rivestimento che fa per voi.
Il porfido è molto apprezzato per la sua duttilità, per le tonalità neutre e per la sua incredibile resistenza alle escursioni termiche. È, quindi, ottimo per gli esterni, proprio come la pietra di Trani: quest’ultima è perfetta sia per gli spazi di stampo retrò sia per quelli in stile moderno e contemporaneo.
Dobbiamo citare poi l’acciottolato. Classico e intramontabile, capace di far somigliare un giardino alla riva di un fiume o alla radura di una foresta. Che dire infine della Pietra di Prun, sofisticata e suggestiva, caratterizzata da toni che spaziano tra il rosa, il rossastro e il bianco striato?
Sono tutte soluzioni consigliate per le zone outdoor, adatte a ricoprire piccole aree come anche spazi più vasti. La massima libertà di personalizzazione delle pietre naturali portà davvero rendere speciale l’esterno della vostra casa!

Leave a Reply

Your email address will not be published.